CENTRO ALETTI FORMAZIONE SPIRITUALE E PASTORALE ARTE SPIRITUALE EDIZIONI LIPA FONDAZIONE AGAPE
      Le Opere dell'Atelier d'Arte:
      per Luogo
      per Data
      per Tema

ITALIA

Altamura (BA)
Asolo (TV)
Assisi (PG)
Bari
Barletta (BA)
Bologna
Caltagirone (CT)
Capiago (CO)
Casciago (VA)
Cassino (FR)
Catania (FR)
Chiampo (VI)
Cinisello Balsamo (MI)
Firenze
Fondi (LT)
Lecce
Lenno (CO)
Milano
Modugno (BA)
Monza(MI)
Parma
Porto S. Stefano (GR)
Ranica (BG)
Ravoledo (SO)
Reggio Calabria
Reggio Emilia
Roma
Qualiano (NA)
San Giovanni Rotondo (FG)
San Zeno di Montagna (VE)
Scaldaferro (VI)
Senigallia (AN)
Supersano (LE)
Trieste
Verona

Mosaici più piccoli
Santa Famiglia (icona)
Porta della Carità
Centro Aletti


EUROPA

Austria
Croazia
Francia
Malta
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Serbia
Slovacchia
Slovenia
Spagna
Ungheria


ALTRI CONTINENTI

America
Medio Oriente


 

Cappella delle Missionarie dell'Immacolata a Monza
Congregazione Missionarie dell'Immacolata, Via Mantegna, 27 - 20052 Monza (MI)

Il mosaico è fatto a partire dalla “visione” del Seminatore di Madre Igilda Rodolfi, fondatrice delle Suore Missionarie dell’Immacolata, che si rifà alla parabola del seminatore del vangelo (cf Lc 8,4ss e par.). La parete frontale della cappella, quella absidale, è marcata con un rientranza, in modo da creare due piani. Nella parte inferiore del mosaico sono rappresentati i quattro tipi di terreno sui quali cade il seme: la strada, sulla quale il seme viene calpestato, il terreno sassoso, il terreno spinoso e la terra buona, fertile.

Visione d'insieme
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008


La rappresentazione nel suo insieme è dovuta principalmente a un inno di Efrem il Siro (cfr. Inni sulla Natività 4,31-33. 85-91; vedi anche Inni sulla resurrezione 1,1-3). La terra fertile, secondo sant’Efrem, è la Vergine, che diventa Madre grazie ad un seme incorruttibile, cioè il Verbo di Dio. Il suo grembo diventa la dimora del Verbo. In lei il Verbo prende Corpo. Maria non è paragonata solo al terreno di un campo, ma il suo grembo offre paralleli anche con lo Sheol: il chicco di grano, infatti, è il Cristo che viene deposto nella morte, per spuntare alla luce come Risorto. Nuovo Adamo che vince la morte, generato dalla Eva nuova, apre la strada alla risurrezione a tutti gli uomini.

Il presbiterio
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008


Il chicco di grano che cade nella terra buona e muore porta molto frutto. L'inno di Efrem esplicita il mistero pasquale, il martirio di Cristo e la sua resurrezione, il mistero di cui la Chiesa nella sua liturgia fa un perenne memoriale, un'anamnesis sacramentale. Il chicco che cade nella terra, nella Vergine e Madre, fruttifica nella misura del centuplo e diventa non solo una spiga, ma un covone. Si allude così alla ricca simbologia dei covoni di Giuseppe d'Egitto, il quale a sua volta è una prefigurazione del Cristo pasquale. Tutta la storia della salvezza è praticamente raffigurata nell'immagine: la Vergine Madre, il Verbo fattosi uomo, il mistero pasquale, la vittoria sulla morte compiuta da Cristo, il cui corpo – la Chiesa – si raduna come chicchi di grano nel pane eucaristico per la transustanziazione dell'umanità, del creato in Cristo.

Parte centrale
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008


La Madre di Dio è seduta per terra: è lei la terra buona e feconda ed è veramente una madre; ha i fianchi della partoriente e il bambino sta seduto sul suo grembo. Questo “covone” – Gesù – è venuto nella creazione tramite lei e, con la sua piccola mano, si stringe a lei.   Il mistero divino-umano, che si esprime in una tenerezza che è propria di Dio, è ricevuto dall'umanità purificata nella Vergine e Madre.

Parte sinistra
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008


La Madonna mette la mano per terra e trattiene il piedino di Gesù che non tocca il suolo, ma la sua mano: lei è la scala vista da Giacobbe che ha permesso a Gesù di scendere sulla terra. Con l'altra mano Maria alza il suo mantello, con un gesto che riprende una festa orientale: la festa di Pokrov, festa del velo della “Madre di Dio che protegge”. Come se Maria volesse proteggere il Figlio che partirà da lei per morire in croce. Ma proprio lì Gesù estenderà la maternità di sua Madre a tutto il genere umano, in modo che tutti noi possiamo sentire il suo mantello carico di amore materno che ci protegge.
Lo sguardo di Cristo ha un velo di tristezza, perché “il covone” sarà macinato. Ma "chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo" (Sal 126,5).

La Madonna delle Spighe
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008


La parte superiore del mosaico è dedicata, come nelle chiese antiche al Laetissimus spatium , allo spazio dello Spirito Santo: è lo Spirito che dà la vita, che opera il passaggio dalla Parola alla Carne, che dà concretezza alla Parola. Lo Spirito Santo è la chiave di tutto ed è Lui che comunica Dio in modo personale. Tutta l'arte della vita spirituale sta nella sinergia con lo Spirito Santo. Con Lui si è in grado di accogliere la Parola, di portarla con amore, di farla fruttificare, cioè di darle la carne, i gesti, la mentalità, il volere. Nella sinergia lo Spirito Santo in noi traduce la Parola in immagine, evidentemente in quanto trova un buon terreno.

Lo Spirito Santo
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008


La Madonna   guarda direttamente il tabernacolo, sul quale è riprodotto il volto di Cristo.

Il tabernacolo
Cappella delle Missionarie dell'Immacolata

Monza (MI) - Italia

Dicembre 2008

 
 
   
Se lo desideri puoi CONTRIBUIRE alle attività del Centro Aletti




PONTIFICIO ISTITUTO ORIENTALE - CENTRO STUDI E RICERCHE EZIO ALETTI
Via Paolina, 25 - 00184 Roma, Italia
Tel: +39-064824588
Fax: +39-06485876
Contattaci via email

 

Tutti i contenuti e le immagini presenti su questo sito sono protetti dalla normativa sul diritto d’autore e sui diritti ad esso connessi. La riproduzione e la messa a disposizione a terzi in qualsiasi forma di contenuti e immagini, senza l’autorizzazione espressa dell´autore, è vietata